Caso studio Surf the Market: Gruppo Vola

Per mostrare il dietro le quinte del lavoro di Surf the Market, abbiamo deciso di raccontare un caso studio reale, un progetto che abbiamo realizzato con una società di consulenza specializzata nella selezione di personale, formazione e coaching per il benessere organizzativo dei singoli e delle imprese.

Il cliente oggetto del caso studio è una società di selezione e consulenza nel mondo delle risorse umane, nata dall’unione di due realtà di lunga esperienza che in passato avevano già lavorato insieme e tra le quali si è creata una buona sinergia.

Per questo nel 2014 è nata l’idea della fusione tra le due società, che ha dato vita ad una nuova realtà specializzata nel benessere organizzativo dei singoli e delle imprese.

Per strutturare al meglio la propria offerta di servizi e definire posizionamento e identità di brand, la società aveva bisogno di trovare risposta ad alcuni quesiti, afferenti diverse aree del marketing.

E qui siamo entrati in gioco noi!

Per chi non conoscesse la nostra realtà, Surf the Market è una società di consulenza marketing, specializzata in posizionamento dinamico di brand.
Abbiamo teorizzato una metodologia, testa in anni di studio e di applicazione su clienti di ogni settore e dimensione, per rispondere ai diversi bisogni delle aziende in modo completo e flessibile: il framework di Surf the Market, strutturato in cicli, su ispirazione dell’Agile Management.
Ogni ciclo è composto da 5 fasi fondamentali: ipotesi interna, analisi qualitativa, analisi quantitativa, data visualization e brand positioning statement.

Cosa facciamo?

Aiutiamo startup, liberi professionisti e aziende a definire il proprio posizionamento all’interno del mercato, ovvero la migliore risposta a fronte di diverse analisi condotte, sull’azienda stessa, sulla domanda (clienti attuali e potenziali), sui concorrenti e sui trend del settore.
Consapevoli che il mercato sia in costante mutamento, nel lungo periodo, analizziamo i diversi cambiamenti nel mercato, per adattare il piano dell’azienda. Per questo parliamo di posizionamento “dinamico”.